Provvedimento n. 291241

l’Agenzia delle Entrate, con provvedimento 5.11.2018, n. 291241, ha approvato il modulo per il conferimento/revoca delle deleghe all’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica, che sostituisce il precedente modello approvato con il provvedimento 13.06.2018. Il nuovo documento amplia le modalità di comunicazione della delega, che si affianca a quella tradizionale con deposito fiscale presso l’ufficio competente e a quella conferita direttamente da parte del delegante utilizzando l’area web riservata.

Fattura elettronica anche per i condomini

Dal 1.01.2019 anche il condominio ricade tra i soggetti privati tenuti all’obbligo di fatturazione elettronica.

Codice Univoco

In ogni fattura elettronica è necessario indicare il Codice Univoco Ufficio, che rappresenta l’identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SDI) di recapitare correttamente la fattura elettronica all’Ufficio destinatario.

Nessuna proroga, solo facilitazioni

Come da comunicato stampa del Consiglio dei Ministri dei giorni scorsi, “si mantiene l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica dal primo gennaio 2019, riducendo per i primi sei mesi le sanzioni previste per chi non riuscirà ad adeguare i propri sistemi informatici”.

Si dà la possibilità di emettere fatture entro 10 giorni dall’operazione alla quale si riferiscono , e di annotarle nel registro entro il giorno 15 del mese successivo alla loro emissione. Sempre nell’ottica della semplificazione, viene abrogato l’obbligo di registrazione progressiva degli acquisti, mentre il pagamento dell’IVA slitta al momento in cui la fattura viene incassata.

Saranno esclusi i medici e i farmacisti. Sembrerebbe questa la soluzione attuata dopo il rimprovero del Garante Privacy sulle criticità della fattura elettronica, in particolare sulle troppe informazioni personali esposte e non in linea con il nuovo regolamento UE previsto dal GDPR.

Per medici e farmacisti si intende:

Aziende sanitarie locali; Aziende ospedaliere; istituti di ricovero e cura a carattere scientifico; Policlinici universitari; farmacie pubbliche e private; Presidi di specialistica ambulatoriale; strutture per l’erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e di assistenza integrativa; altri presidi e strutture accreditati per l’erogazione dei servizi sanitari; strutture autorizzate per l’erogazione dei servizi sanitari e non accreditate al SSN; iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri; iscritti agli Albi professionali degli psicologi; iscritti agli Albi professionali degli infermieri; iscritti agli Albi professionali delle ostetriche/i; iscritti negli Albi professionali dei tecnici sanitari di radioligia medica; esercenti l’arte sanitaria ausiliaria di ottico; iscritti agli Albi professionali dei veterinari; strutture autorizzate alla vendita al dettaglio di medicinali veterinari; esercizi commerciali che svolgono l’attività di distribuzione al pubblico di farmaci ai quali è stato assegnato dal Ministero della Salute il codice identificativo univoco. Si tratta, specificamente, delle parafarmacie.

Tutti questi soggetti potranno continuare ad emettere, nel prossimo anno, la “vecchia” fattura cartacea essendo esonerati, in base alla nuova previsione, dall’obbligo di emissione dei documenti in formato digitale. L’esonero, però, è temporalmente limitato al solo anno 2019. Presumibilmente, il Legislatore intenderà trovare una soluzione che sia in grado di garantire la privacy, ma non sembra intenda rinunciare definitivamente alla fatturazione elettronica che, sia pure limitatamente a questi soggetti, potrebbe essere obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2020.

L’Agenzia delle Entrate ha dedicato alla fatturazione elettronica un'area tematica sul suo sito web: (https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/aree+tematiche/...).

Assunzioni natalizie

Le aziende sono già a caccia di personale per fare fronte al periodo natalizio, in particolare quelle che dovranno far fronte, a partire dall'inizio del 2019, alle nuove regole legate alla fatturazione elettronica. Lo afferma EasyHunters, società di ricerca e selezione del personale che offre servizi di recruitment digitali ad elevata qualità.